Loading...

Non hai articoli nel carrello.

Trekking da Moneglia a Riva Trigoso (Sestri Levante)

15/12/2016 15:06

Equipaggiati con gli zaini Deuter Futura pro 36 e Deuter ACT Trail 28 SL ci accingiamo a percorrere questo sentiero da trekking. Dalla stazione di Moneglia si imbocca la strada verso il mare; alla prima curva troveremo, a destra, una scalinata dalla quale parte il sentiero da trekking per il Monte Moneglia (segnavia: due X rosse).

In cima alla scalinata, a destra, si prende una strada pedonale che dapprima si trasforma in mulattiera e poi confluisce in una piccola strada asfaltata che finisce in una strada più larga, sempre asfaltata. Si sale a destra lungo quest'ultima per oltre mezzo chilometro, tra villette e scorci di panorama, fino al suo concludersi in una piazzola dove, sempre a destra, inizia il sentiero vero e proprio.

Si inizia con una piccola serie di gradini nel bosco dove il sentiero da trekking  sale in maniera sempre più ripida. Ad un bivio, presso un punto panoramico, la via piega a destra e l'ascesa prosegue in modo molto più marcato con scalini naturali tra i pini. Giunti in prossimità della cima piatta e boscosa del Monte Servagli (m 327 slm) si prosegue sull'ampia cresta salendo dolcemente.

La salita riprende con bella vista sul mare, dalla baia di Moneglia fino a Punta Mesco e sui monti circostanti.

Giunti al Monte Comunaglia (m 463), si procede in cresta lungo uno stretto sentiero non segnalato fino a riprendere il sentiero segnalato con due X rosse.

Si continua poi nel bosco dove - ad un bivio a sinistra - si riprende un sentiero DA C non segnalato ma molto evidente che porta sulla piatta cima del Monte Moneglia (m 521).

Proseguendo sul sentiero da trekking per Casazza (segnavia: due rombi rossi) si giunge in una piccola radura, dove si imbocca il sentiero per Riva Trigoso (due cerchi rossi) che scende rapidamente nel bosco. Giunti ad un grosso bivio si gira a sinistra e si attraversa una radura attrezzata ad area pic-nic, proseguendo su un sentiero (due cerchi rossi), che discende dolcemente con panorami su Punta Manara e scorci su Sestri Levante.

Ad un bivio si prende a sinistra il sentiero per Punta Beffe ed in breve si giunge alla omonima Torre, con notevole vista su Riva Trigoso.

Tornati sul sentiero, il nostro itinerario da trekking piega a sinistra. Scendendo ripidamente nel bosco rado tra erica e corbezzoli, ci si porta ad una sella, dove un tratto orizzontale di circa 300 metri ci permette di godere in tutta calma di panorami mozzafiato sia sul mare sia sui monti circostanti: fra questi si riconosce il Treggin, con la sua caratteristica forma.

Intanto, il sentiero da trekking si trasforma prima in strada sterrata, poi asfaltata (in cattive condizioni) sfociando in una strada più larga che in un paio di tornanti porta alla provinciale che conduce a Riva Trigoso.

Chi vuole raggiungere subito la stazione deve girare a destra dopo il cimitero e attraversare il sottopasso ferroviario.

Girando invece a sinistra si può visitare il piccolo borgo di Riva Trigoso.

Posted in News By

Zaini Sport